Il Covid-19 e le conseguenze sul cervello.

Alcune conseguenze neurologiche del Covid-19 sono ormai note a tutti: ageusia e anosmia (rispettivamente la perdita di gusto e olfatto) sono sintomi che abbiamo imparato a conoscere e riconoscere come prodromici o caratteristici dell’infezione da coronavirus.

Tuttavia, non sarebbero le uniche conseguenze a livello cerebrale.

Covid 19 e cervello

Esami radiologici hanno infatti mostrato altre conseguenze, come infarti, micro-emorragie, encefalopatie, o sindrome da encefalopatia posteriore reversibile (PRES).

Il Covid-19 sarebbe associato all’aumento di citochine pro-infiammatorie che, per una reazione a cascata, inducono l’attivazione della coagulazione del sangue e la generazione di trombina. La circolazione della trombina, non controllata dagli anticoagulanti naturali, può attivare le piastrine e portare a trombosi. Sebbene l’ictus ischemico sia stato riconosciuto come una complicanza del COVID-19, i meccanismi non sono ancora del tutto compresi.

Da alcuni recenti studi, sembrerebbe che l’ictus ischemico acuto che accompagna l’infezione da COVID-19 abbia caratteristiche distinte e proprie. Infatti l’ictus ischemico associato al coronavirus si verificherebbe solitamente solo in un periodo successivo, ma in casi circoscritti si è verificato sia precocemente sia successivamente nel decorso della malattia.

Le manifestazioni: Sistema Nervoso Centrale

Nello studio di Paterson e colleghi (2020), pazienti affetti da Covid-19 che successivamente mostravano segni di infezione cerebrale, erano confusi, disorientati e, in un caso in particolare, erano presenti sintomi psicotici (deliri e allucinazioni).

L’effetto più documentato del Covid-19 sul cervello sarebbe comunque l’ictus (ischemico ed emorragico), osservato anche nella popolazione più giovane. Le conseguenze sulle abilità cognitive e la sintomatologia dipendono comunque dall’area cerebrale colpita.

Inoltre, l’ictus conseguente l’infezione da coronavirus colpirebbe in modo indistinto pazienti con altre patologie e pazienti con nessun pregresso a livello medico.

Sistema Nervoso Periferico

A livello del SNP, una delle sindromi più note in associazione all’infezione da Covid-19 è la Sindrome di Guillame-Barré.

Questa sindrome è caratterizzata da una sensazione di debolezza, accompagnata da parestesie degli arti (i.e. alterazione della sensibilità).
Sintomi associati sono debolezza muscolare a livello facciale e insufficienza respiratoria. Nei pazienti colpiti, inoltre, si osserverebbero fluttuazioni della pressione arteriosa e aritmie cardiache.

Bibliografia:

  • Beyrouti R, Adams ME, Benjamin L, et al. Characteristics of ischaemic stroke associated with COVID-19. Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry 2020;91:889-891.
  • Ellul, M. A., Benjamin, L., Singh, B., Lant, S., Michael, B. D., Easton, A., Kneen, R., Defres, S., Sejvar, J., & Solomon, T. (2020). Neurological associations of COVID-19. The Lancet. Neurology19(9), 767–783. https://doi.org/10.1016/S1474-4422(20)30221-0
  • Fifi, J. T., & Mocco, J. (2020). COVID-19 related stroke in young individuals. The Lancet. Neurology19(9), 713–715. https://doi.org/10.1016/S1474-4422(20)30272-6
  • Marín-Medina, D. S., Orozco-Hernández, J. P., Martínez-Muñoz, M. A., & Sánchez-Duque, J. A. (2020). Stroke as a complication of Coronavirus disease 2019 (COVID-19). Le infezioni in medicina28(3), 456–458.
  • Paterson, R. W., Brown, R. L., Benjamin, L., Nortley, R., Wiethoff, S., Bharucha, T., Jayaseelan, D. L., Kumar, G., Raftopoulos, R. E., Zambreanu, L., Vivekanandam, V., Khoo, A., Geraldes, R., Chinthapalli, K., Boyd, E., Tuzlali, H., Price, G., Christofi, G., Morrow, J., McNamara, P., … Zandi, M. S. (2020). The emerging spectrum of COVID-19 neurology: clinical, radiological and laboratory findings. Brain : a journal of neurology143(10), 3104–3120. https://doi.org/10.1093/brain/awaa240

Lascia un commento